Associazione Nazionale Alpini - Sezione di Verona

marted 16 gennaio 2018

Photogallery

gagliardetti ana verona

Sisma Centro Italia - raccolta fondi
Ass. Nazionale Alpini - Sezione di Verona
Pellegrinaggio a Scalorbi - 27 Agosto 2017
Giornata in Grigio Verde - Malga Lessinia 10 Settembre 2017
Giornata in Grigio Verde - Malga Lessinia 10 Settembre 2017
Giornata in Grigio Verde - Malga Lessinia 10 Settembre 2017
Giornata in Grigio Verde - Malga Lessinia 10 Settembre 2017
Giornata in Grigio Verde - Malga Lessinia 10 Settembre 2017
145° anniversario delle truppe alpine -
8 x 1000 alla solidarietà
1915 - 1918 Centenario della Grande Guerra



 






Appuntamento con la Storia

Campi di lavoro RussiaLunedì 3 Febbraio 2014 ore 20.30  Prigionieri Italiani: quelli che dalla Russia tornarono...dopo.durata 67 minuti. Con il patrocinio del Comune di Castelnuovo del Garda in collaborazione con i gruppi alpini di: Castelnuovo, Cavalcaselle e Sandrà ed il Circolo Culturale "M.Balestrieri" della sezione alpini di Verona, ritornano le serate culturali: "Appuntamento con la storia" presso la sala consigliare "11 Aprile 1848"  Via Castello Via Castello n.19 con inizio ore 20.30

  Interverranno alle serate alcuni reduci, se il loro stato di salute lo consentirà. I film/documentari sono adatti anche ai ragazzi delle scuole medie e delle scuole superiori. Ingresso libero


La viva voce del Prof. Vittorio Bozzini racconta la sua odissea nei Campi di lavoro sovietici. La ritirata e il ferimento a Scororyb: primo calvario. La cattura dopo Nikolajewka. A ritroso verso il Don. La marcia del davai: secondo calvario. L’ultimo della colonna era Gesù crocifisso. Le generose donne sovietiche. Oltre il Don: Davidowka, la città dei morti. 25 aprile 1943: Pasqua di passione in tradotta verso il Circolo Polare Artico. A Pinjug e a Loino: tagliaboschi. Siamo numeri, numeri in sottrazione. Il secondo amaro Natale. In tradotta verso sud, a Taskent , nei campi di cotone dell‟Uzbekistan. Le malattie: le cure amorevoli dell’ infermiera sovietica. In tradotta verso la Siberia, nelle orride miniere di carbone di Borovoje (Novosibirsk). 50 gradi sottozero. Gallerie di carbone e “gallerie” di una umanità sofferente. La fame: pane, mio Dio, ho 23 anni! 1946: finalmente si torna a baita. Il lato positivo della sofferenza nei campi sovietici: a scuola, nelle istituzioni, nell’ associazionismo.