Associazione Nazionale Alpini - Sezione di Verona

domenica 22 ottobre 2017

Photogallery

gagliardetti ana verona

Sisma Centro Italia - raccolta fondi
Ass. Nazionale Alpini - Sezione di Verona
Pellegrinaggio a Scalorbi - 27 Agosto 2017
Giornata in Grigio Verde - Malga Lessinia 10 Settembre 2017
Giornata in Grigio Verde - Malga Lessinia 10 Settembre 2017
Giornata in Grigio Verde - Malga Lessinia 10 Settembre 2017
Giornata in Grigio Verde - Malga Lessinia 10 Settembre 2017
Giornata in Grigio Verde - Malga Lessinia 10 Settembre 2017
145° anniversario delle truppe alpine -
8 x 1000 alla solidarietà
1915 - 1918 Centenario della Grande Guerra



 






ecomuseo

ecomuseo001Durante il periodo della Grande Guerra, l'altopiano della Lessina, pur non essendo stato direttamente coinvolto nelle azioni belliche, era pur sempre la seconda linea da difendere in caso di avanzata del nemico. L'area lessinica è stata protagonista nella prima fase della guerra del fronte nord, proprio per la sua funzione storica di centro logistico strategico e di frontiera con la provincia del Tirolo dell'ex Impero asburgico. Le colline veronesi in particolare erano state armate con una linea di forti realizzati dal Regno d'Italia tra la fine dell'Ottocento e il primo decennio del Novecento e successivamente con trincee e postazioni difensive in posizione più avanzata, ipotizzando una prima linea proprio a ridosso del confine sulle estreme alture della Lessinia. I paesi di montagna si sono trasformati in caserme con importanti strutture logistiche di sostegno (come i forni, gli acquedotti e le scuderie) e una rete efficiente di strade che permettessero il rapido spostamento delle truppe e dei mezzi motorizzati per il trasporto delle armi pesanti e delle munizioni. Nel 2008 è stata allestita nei mesi estivi a Bosco Chiesanuova una mostra di reperti storici della guerra di trincea, nonché una mostra grafica e fotografica dei siti nei quali restavano vestigia di quel periodo in Lessinia. Un afflusso insperato di visitatori nei quindici giorni di apertura convinse gli organizzatori che l'interesse attorno a questo tema resta altissimo. Flavio Melotti, organizzatore dell’evento di allora, che era stato affiancato dai gruppi alpini di Bosco Chiesanuova, Sona e Valdonega, ha deciso con l'architetto Fiorenzo Meneghelli di puntare alla realizzazione dell'Ecomuseo delle trincee della Lessinia. Per l’occasione della mostra dei reperti storici tenutasi a Bosco Chiesanuova nell’ anno 2008, sono state elaborate due mappe: una con evidenziato il confine tra l’Impero Austro Ungarico ed il Regno d’Italia ante conflitto mondiale 1915-18, sulla quale sono stati riportati dei numeri che richiamano i reperti presenti nella mostra in modo da indicarne la loro posizione geografica e un’altra, elaborata su DTM in modo da agevolare il visitatore nella lettura della morfologia del territorio.

il presente documento allegato è tratto dal 1° convegno internazionale A.I.G.T. II° Workshop tenutosi a Verona 30 Giugno - 1 Luglio 2011