Secondo giorno

Pubblicato Sabato, 16 Maggio 2015 22:10
Scritto da administrator

11180321 10153271406630902 126570761040230825 n

Il messaggio del Presidente Mattarella

(fote: www.ana.it ) Il secondo giorno di Adunata è stato aperto dall'incontro con gli alpini all'estero, avvenuto nel teatro Ridotto de L'Aquila. Il Presidente dell'Ana Sebastiano Favero ha salutato le rappresentanze degli alpini che vivono all'estero, molti dei quali emigrati tanti anni fa anche dall'Abruzzo. Ricordiamo che l'Ana conta 30 Sezioni in cinque Continenti.

All'incontro hanno partecipato, tra gli altri, il Presidente del Consiglio Regionale Giuseppe Di Pangrazio, il comandante delle Truppe Alpine gen. D. Federico Bonato, il responsabile delle Sezioni all'estero dell'Associazione Ferruccio Minelli.

Presenti in platea anche la medaglia d'oro al Valor Civile Francesco Giannini e quella al Valor Militare Andrea Adorno e i rappresentanti di Francia, Germania, Spagna e Slovenia della Federazione Internazionale dei Soldati di Montagna, della quale l'Ana fa parte.

Un saluto agli alpini è stato portato dai marinai e dal capitano di fregata Marcello Grivelli comandante della “Nave Alpino”, realizzata nei cantieri di Riva Trigoso (Genova) e varata pochi mesi fa.

In mattinata c'è stato lo spettacolare lancio dei paracadutisti allo stadio comunale, mentre nel pomeriggio la Messa in suffragio ai Caduti celebrata dall'Ordinario militare mons. Santo Marcianò e l'arcivescovo Giuseppe Petrocchi nella splendida Basilica di San Bernardino, riaperta lo scorso 2 maggio.

In serata all'auditorium Renzo Piano c'è stato l'incontro tra il sindaco, le autorità e i vertici dell'Associazione, durante il quale è stato letto il messaggio del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella:

IL TRADIZIONALE E FESTOSO INCONTRO TRA GLI ALPINI E LA CITTADINANZA, CHE SI CELEBRA CON L’88^ ADUNATA NAZIONALE A L’AQUILA, COSTITUISCE OCCASIONE PER CELEBRARE L’AFFETTO E LA CONSIDERAZIONE DI CUI MERITATAMENTE GODONO LE PENNE NERE, E PER CEMENTARE IL FORTE SENSO DI APPARTENENZA AL CORPO DI QUANTI HANNO SERVITO E SERVONO CON ONORE IL NOSTRO PAESE.

AI TANTI ALPINI RIUNITI ED A TUTTI I CONVENUTI IL MIO PIÚ CALOROSO SALUTO E RINGRAZIAMENTO PER L’OPERA MERITORIA SVOLTA DALL’ASSOCIAZIONE.

IL MIO DEFERENTE OMAGGIO, IN QUESTA GIORNATA, VA AI CADUTI ED AL PLURIDECORATO LABARO DELL’ASSOCIAZIONE.

GLI ALPINI HANNO SAPUTO EVOLVERSI TECNOLOGICAMENTE ED ADEGUARSI AGLI SCENARI OPERATIVI, ESALTANDO PECULIARITA’ ED ECCELLENZE SUI TERRENI IMPERVI E MONTAGNOSI, DAL GIORNO DEL BATTESIMO DEL FUOCO NELLA BATTAGLIA DI ADUA NEL 1896, SINO AI GRANDI CONFLITTI DELLO SCORSO SECOLO E ALLE PIÚ RECENTI MISSIONI INTERNAZIONALI.

ESPERIENZE CHE HANNO NEL TEMPO CONSOLIDATO, NELLE DONNE E NEGLI UOMINI DEL CORPO, GLI IDEALI DI AMOR DI PATRIA E DI SOLIDARIETÁ, CHE NE COSTITUISCONO TRATTO DISTINTIVO.

ALL’ASSOCIAZIONE E AGLI INNUMEREVOLI GRUPPI LOCALI RINNOVO IL RINGRAZIAMENTO PER LA COSTANTE E FONDAMENTALE OPERA CONDOTTA IN SUPPORTO ALLA PROTEZIONE CIVILE NEI CASI DI CALAMITÁ NATURALI, E NELLE INIZIATIVE BENEFICHE E DI VOLONTARIATO. ANCHE IN QUESTE ATTIVITA’ GLI ALPINI HANNO SAPUTO DISTINGUERSI SEMPRE PER TENACIA, ORGANIZZAZIONE, CAPACITA’ OPERATIVE, GRANDE DISPONIBILITA’ ED ALTRUISMO.

SIETE UNA RISORSA DI INESTIMABILE VALORE, AL SERVIZIO DELLA COMUNITA’!

SERGIO MATTARELLA