Alessia, alpina

Pubblicato Giovedì, 28 Maggio 2015 11:29
Scritto da administrator

bandiera a mezzasta

Alessia, alpina andata avanti

Il Presidente Luciano Bertagnoli, il direttivo sezionale e tutti gli alpini della sezione ANA Verona esprimono il loro più sentito cordoglio alla famiglia ed al reggimento logistico della Jiulia dove era in servizio il Caporal Maggiore Alessia Chiaro, per la sua prematura scomparsa. Bandiere a mezz'asta per ricordare la giovane sfortunata.

(fonte www.ana.it) Alessia Chiaro, 26 anni, è morta ieri, 27 maggio, a Falzeben, in Alto Adige. Era in forza al reggimento logistico della Julia, di stanza a Merano. La giovane, originaria di Rieti, nel corso di un’attività in montagna lungo una via ferrata, ha perso l’equilibrio dopo essersi spostata per cedere il passo a un gruppo di alpinisti civili. 

La caduta le ha provocato gravi ferite che hanno reso inutile l’intervento dei colleghi e dei sanitari dell’elisoccorso altoatesino, arrivati tempestivamente sul luogo dell’incidente.

Il Ministro della Difesa, Roberta Pinotti, ha espresso il suo cordoglio: «L’improvvisa scomparsa del caporal maggiore Chiaro nel corso di un’attività addestrativa in montagna, rappresenta una dolorosa perdita per i suoi cari e per la grande famiglia delle Forze Armate».

Cordoglio anche da parte del Capo di Stato Maggiore della Difesa, Claudio Graziano e del Capo di Stato Maggiore dell’Esercito Danilo Errico: «L’Esercito tutto si stringe nel dolore attorno alla famiglia». Il suo comandante, Roberto Cernuzzi, visibilmente commosso, ha dichiarato: «Alessia Chiaro è morta per far passare due persone in sicurezza. Era un soldato eccezionale».