Associazione Nazionale Alpini - Sezione di Verona

sabato 20 gennaio 2018

Photogallery

gagliardetti ana verona

Sisma Centro Italia - raccolta fondi
Ass. Nazionale Alpini - Sezione di Verona
Pellegrinaggio a Scalorbi - 27 Agosto 2017
Giornata in Grigio Verde - Malga Lessinia 10 Settembre 2017
Giornata in Grigio Verde - Malga Lessinia 10 Settembre 2017
Giornata in Grigio Verde - Malga Lessinia 10 Settembre 2017
Giornata in Grigio Verde - Malga Lessinia 10 Settembre 2017
Giornata in Grigio Verde - Malga Lessinia 10 Settembre 2017
145° anniversario delle truppe alpine -
8 x 1000 alla solidarietà
1915 - 1918 Centenario della Grande Guerra



 






bomba day

verona bomba day

la PC ANA Verona protagonista del "bomba day"

Le operazioni per il disinnesco della “Bomba dell’Arsenale”, com’è stata ribattezzata la bomba GP da 500 libbre di fabbricazione statunitense rinvenuta pochi mesi fa in Borgo Trento, hanno impegnato anche 120 volontari della PC ANA di Verona. Dalle ore 6.00 alle 12.00 di domenica 14 giugno infatti, volontari delle diverse squadre sono stati destinati a diverse missioni, principalmente per la sorveglianza dei varchi della zona rossa (un raggio di 700 m attorno all’ordigno). Obiettivo: facilitare le operazioni di sgombero dei 13.000 abitanti di Borgo Trento e del Centro storico, e assicurare che nessuno transitasse all’interno dell’area durante le operazioni di disinnesco (in totale era prevista la mobilitazione di 27.000 concittadini). Contemporaneamente, nel COM e nel CCS istituiti presso il Palazzo della Provincia, altri volontari guidati dal Coordinatore Luca Brandiele e da Andrea Guglielmoni, hanno svolto operazioni di coordinamento (radio, e di geomappatura informatica) con i referenti della Protezione Civile regionale, il Vicario del Prefetto Iginio Olita, il comandante della Polizia Municipale Luigi Altamura, e altre personalità della Questura e dei Vigili del Fuoco. I 6 artificieri dell’ 8° Reggimento Genio Guastatori Paracadutisti “Folgore” di Legnago, hanno concluso felicemente le operazioni verso le ore 12, sotto il comando del Colonnello Domenico D’Ortenzi, che ha poi dichiarato: “La spoletta anteriore era armata, e il percussore pronto a partire”, segno del potenziale rischio legato all’ordigno. L’impegno della PC della nostra Sezione è stato riconosciuto sia dalle autorità presenti, sia dagli stessi cittadini veronesi, che in parte si sono serviti anche del punto accoglienza e della cerimonia religiosa allestiti in Fiera per gli sfollati, anziani in particolare, che non avessero un riparo.