Colognola ai Colli, Gli Alpini hanno incontrato i giovani. Esperienza da ripetere

Per gli Alpini colloquiare con i giovani è possibile, piacevole e costruttivo, perché gli Alpini hanno molto da raccontare e preziosi e validi modelli di vita da offrire, ed i giovani hanno voglia di ascoltare parole oneste e concrete per il futuro loro e dell’Italia. Tutto questo è emerso in un piacevole incontro svoltosi presso la baita alpina di Colognola ai Colli, organizzato dal locale Gruppo in collaborazione con il Comune. Presenti un buon numero di soci e di studenti, ha coordinato il consigliere di zona Agostino Dal Dosso, ha aperto i lavori il capogruppo Renzo Dal Ben e sono intervenuti il Presidente Luciano Bertagnoli, il sindaco Claudio Carcereri de Prati, la dirigente scolastica  Donatella Mezzari ed il direttore de “Il Montebaldo” Vasco Gondola. Con immediatezza e semplicità, essi hanno parlato non solo di storia e del ruolo che in essa hanno avuto gli alpini, ma anche dei problemi del nostro presente, del vuoto di valori che mina dall’interno la “società liquida” attuale, improntata a disimpegno, consumismo ed egoismo, e del ruolo forte che ancora spetta agli alpini, esempi viventi di onestà, generosità e solidarietà. Bertagnoli è riuscito a coinvolgere nel dibattito i ragazzi ed ha illustrato loro la prospettiva concreta, ora all’esame del Governo, di istituzione di un “servizio per la Patria” di sei mesi, obbligatorio per tutti, formativo per la loro personalità e per il loro ruolo di cittadini consapevoli. I giovani presenti sono intervenuti sull’argomento dicendosi favorevoli all’iniziativa, purchè attuata in forme di attività concrete ed utili. L’incontro, che è stato di arricchimento e di piena soddisfazione per tutti, si è chiuso con l’impegno che il dialogo tra Alpini, Istituzioni, giovani e mondo della scuola continui attraverso un programma organico di incontri e iniziative, e con l’auspicio che l’esperienza di Colognola si ripeta ovunque. Infine una piacevole risottata in amicizia, nonché un ricordo dell’indimenticato mons. Giuseppe Gonzato (1889-1953), figlio di Colognola, che fu generoso ed eroico cappellano militare nella Grande Guerra e per lunghi anni amato cappellano della Sezione ANA veronese.

Condividi Articolo

Sport

Pellegrinaggi

Solidarietà

Alpini