Gli alpini alle Giornate sulla sicurezza e prevenzione in montagna

Fonte: www.ana.it

Gli alpini del Reparto Comando e Supporti Tattici Tridentina hanno partecipato durante tutti i mercoledì del mese di luglio alle Giornate sulla sicurezza e prevenzione in montagna, organizzate dal rifugio Contrin, con l’obiettivo di sensibilizzare giovani e adulti sull’importanza di comportamenti corretti quando si frequenta l’ambiente montano.

Per l’occasione, istruttori militari di alpinismo hanno organizzato tre aree attrezzate. Nella prima area il personale ha fornito nozioni basiche di sicurezza in montagna, nella seconda e terza area sono stati attrezzati una piccola parete per arrampicare e un ponte tibetano, per permettere ai più piccoli di provare questi particolari percorsi.

Le attività, che si sono svolte nel rispetto delle norme sanitarie sul contenimento e la diffusione del Covid, hanno suscitato grande curiosità ed interesse tra i turisti che transitavano nei pressi del rifugio ai piedi della Marmolada.

Inoltre, durante l’attività sono state illustrate le opportunità formative e lavorative che l’Esercito Italiano offre, fornendo per l’accesso alla carriera militare. Il Re.Co.Su.Tat. Tridentina è da sempre coinvolto nell’ambito della sicurezza in montagna, nel periodo invernale attraverso l’emissione dei bollettini Meteomont per l’area d’interesse del settore 22 (Alto Adige – Lombardia) che con la presenza di assistenti alle piste da sci in molto comprensori montani, che nel periodo estivo con incontri formativi sulla sicurezza e prevenzione in montagna. Le attività proposte rappresentano, ancora una volta, il simbolo di un legame concreto e duraturo tra l’Esercito, la montagna e i cittadini.

La responsabile del rifugio Contrin al termine dell’attività ha ringraziato il personale della Tridentina per la bellissima esperienza dove vedi e conosci tanta gente che vi apprezzano: “I bambini per il fascino della divisa e per come vi vedono ai loro occhi, gli adulti per il lavoro che svolgete, gli anziani per i loro ricordi che li legano a voi per sempre regalando forti emozioni nei loro racconti”.

Condividi Articolo

Sport

Pellegrinaggi

Solidarietà

Alpini