Una statua che parla. E che racconta la storia e il dramma di un intero paese. Una comunità che ha visto i suoi giovani partire per il fronte e non li ha più visti tornare. Perché dietro agli elenchi di nomi incisi nel marmo delle lapidi, si nascondono vite di intere famiglie travolte dal dramma di una guerra. Anzi, della Grande Guerra.

Proprio come hanno dimostrato gli alunni della scuola media dell'Istituto Comprensivo di Mozzecane, vincitori regionali del concorso «Il milite non più ignoto» organizzato dall'Associazione Nazionale Alpini in occasione del Centenario del conflitto mondiale. Gli studenti delle classi terze dell'anno scolastico 2016/2017, coordinati dalla professoressa Maria Scattolini, hanno deciso di partecipare presentando un progetto innovativo di ricerca e studio del monumento ai caduti di via Montanari, proprio di fronte alla chiesa del paese. 
E questa mattina, in teatro, sono stati premiati dal presidente sezionale dell'Ana Verona Luciano Bertagnoli che ha consegnato alla scuola un assegno da 500 euro. «Siamo veramente orgogliosi di poter premiare una scuola veronese - ha detto Bertagnoli -.L'obiettivo è quello di costruire un continuo e incessante dialogo con le scuole e gli alunni per portare alla luce la nostra Storia. Posso dire con orgoglio che in questi anni stanno emergendo lavori molto interessanti grazie a un'attenta analisi dei monumenti presenti sul nostro territorio. E mi auguro che questo risultato ottenuto dai ragazzi della scuola di Mozzecane sia da esempio agli altri istituti della nostra provincia che desiderino intraprendere questa sfida». Il prossimo bando, infatti, scade il 31 marzo ed è possibile ancora presentare i progetti collegandosi al sito internet www.milite.ana.it.

A Verona, il Centro Studi della sezione Ana presieduto da Giorgio Sartori è a disposizione per assistere professori e ragazzi nel lavoro di ricerca.
«Non sapevamo nulla e pochi giorni fa siamo stati avvisati della vittoria - ha rivelato la professoressa Scattolini -. L'idea di partecipare al concorso era nata in occasione delle celebrazioni del 4 Novembre 2016, quando il gruppo alpini di Mozzecane ci ha consegnato un depliant dell'iniziativa. Spesso purtroppo i monumenti ai caduti rischiano di restare "invisibili" agli occhi dei più giovani. Noi ci siamo posti la domanda di come riuscire a ricostruire un racconto collettivo partendo da un elenco di nomi presenti sul monumento».

Grazie all'aiuto di Giuseppe Ruffini, «memoria storica» del paese, studenti e professori hanno iniziato a cercare notizie su quelle persone partite da Mozzecane per combattere e mai più tornate a casa. «Abbiamo recuperato materiale storico come medaglie e lettere, ma le cose più interessanti sono emerse dalle interviste fatte dagli alunni ai loro nonni e alle persone anziane del paese» ha proseguito la docente. Inoltre, è stata studiata la storia del monumento in sé, scoprendo anche la poesia letta da una bambina in occasione dell'inaugurazione.

I ragazzi, con la supervisione degli insegnanti Manuela Longhini, Serenella Cordioli, Cristina Faldi, Stefano Zanon e Alessandro Esposito hanno rielaborato artisticamente il monumento con una serie di riproduzioni particolarmente apprezzate dalla giuria dell'ANA Nazionale.

Con gli alpini gli studenti del “Copernico” riscrivono la storia con amore.

Gli studenti di due classi del liceo “Copernico” di Verona, la 5D e la 5BSA, una cinquantina in tutto, guidati dalle insegnanti Barbara Barana e Katia Menegolo, hanno aderito con entusiasmo alla proposta del Centro Studi della Sezione ANA di partecipare all’iniziativa “Il milite … non più ignoto” con una ricerca nuova ed originale. Si è trattato di dare un’identità storica ed umana che andasse oltre il semplice nome e cognome dei 3915 soldati che sono stati tumulati nel Sacrario militare esistente presso il Cimitero Monumentale della città. Sono state così riportate alla luce storie e vicende commoventi, accostate con sensibilità, profondo rispetto e tanta umanità. Un modo nuovo, senz’altro efficace, di insegnare e studiare storia che ha permesso a studenti e insegnanti di divenire essi stessi scopritori di realtà storiche umanamente preziose, ma spesso trascurate dalla storiografia ufficiale che si ferma solo ai grandi personaggi ed ai grandi eventi. Ma anche i piccoli uomini, gli uomini della quotidianità hanno vissuto, hanno sofferto, hanno avuto sentimenti, hanno partecipato alle vicende della patria. Gli studenti del “Copernico” si sono immedesimati nelle vicende dei tanti loro coetanei giunti da ogni parte d’Italia e morti a Verona per lo più di malattia o di ferite negli anni del primo conflitto mondiale. Con la loro opera essi hanno contribuito a dimostrare che i nostri giovani, debitamente motivati, hanno doti straordinarie di sensibilità e umanità, che costituiscono un patrimonio di valori e di potenzialità per la nostra Patria e per la cultura. L’auspicio è che l’esempio degli studenti del “Copernico” sia seguito da tanti altri, così che rinasca nei cuori e nelle menti dei giovani la consapevolezza della continuità tra le generazioni, del legame che unisce il passato con il presente, nella prospettiva di creare un futuro più umano e più giusto. Il Centro Studi dell’ANA veronese, guidato da Giorgio Sartori, ha  accompagnato e seguito il lavoro degli studenti, fornendo tutti i dati in suo possesso e darà pubblicazione ai risultati della ricerca, che parteciperà al concorso “Il milite … non più ignoto” bandito a livello nazionale dall’Associazione Alpini. V.S.G.

alpini a...scuola (S.Martino Buon Albergo)

Lunedì 29 Aprile il gruppo alpini di San Martino Buon Albergo in collaborazione con il Circolo Culturale "M. Balestrieri" della sezione ANA Verona, ha proiettato presso le classi della scuola primaria di secondo grado il film/documentario messo a disposizione dal Centro Studi ANA Verona e rivolto in modo particolare ai ragazzi delle scuole primarie e secondarie di secondo grado. Tema dell'argomenento trattato in classe assieme al personale docente, 1940-1943 Africa Settentrionale – El Alamein

alpini a...scuola (Veronella)

alpini a...scuola (Veronella)

Venerdì 26 Aprile il gruppo alpini di Santo Stefano di Zimella in collaborazione con il Circolo Culturale "M. Balestrieri" della sezione ANA Verona, ha proiettato presso le classi della scuola primaria di secondo grado il film/documentario messo a disposizione dal Centro Studi ANA Verona e rivolto in modo particolare ai ragazzi delle scuole primarie e secondarie di secondo grado. Tema dell'argomenento trattato in classe assieme al personale docente,  1943-1945 La Campagna d'Italia: sulla frontiera della Libertà.

alpini a...scuola (Caselle)

alpini a...scuola (Caselle)

Martedì 16 Aprile il gruppo alpini di Caselle di Sommacampagna in collaborazione con il Circolo Culturale "M. Balestrieri" della sezione ANA Verona, ha proiettato presso le classi della scuola primaria di secondo grado il film/documentario messo a disposizione dal Centro Studi ANA Verona e rivolto in modo particolare ai ragazzi delle scuole primarie e secondarie di secondo grado. Tema dell'argomenento trattato in classe assieme al personale docente:  (1941-1943) La Campagna di Russia, Sulle balke dell’onore.

"Il passato che insegna", incontro a Costalovara

(fonte ana.it) ll Centro Studi dell’Associazione Nazionale Alpini e la Sezione A.N.A. di Bolzano organizzano l’annuale incontro dei Referenti del Centro Studi a Costalovara, sull’altopiano del Renon il 21, 22 e 23 giugno 2013. Il tema dell'incontro è: "Il passato che insegna". 

Avremmo potuto intitolare l'incontro con la locuzione latina Historia magistra vitae, che tradotta letteralmente, significa "La Storia [è] maestra di vita". La frase completa è Historia vero testis temporum, lux veritatis, vita memoriae, magistra vitae, nuntia vetustatis, ovvero "La Storia è vera testimone dei tempi, luce della verità, vita della memoria, maestra di vita, messaggera dell’antichità". È una descrizione che Cicerone, dà della Storia, la quale, per la sua fondamentale importanza, insegna come regolarsi per l’avvenire. Bisogna analizzare il nostro passato, le vicende che hanno coinvolto il nostro Paese e farne buon uso: cogliere gli aspetti positivi e identificare gli errori commessi. Questo perché se ignoriamo il passato che sta alle nostre spalle, ci sfuggirà il presente. E senza un presente, che futuro abbiamo? Passato, presente e futuro sono legati indissolubilmente, ma non solo perché si susseguono, ma perché si appartengono e ci appartengono. Ecco allora che se riusciremo a cogliere alcuni insegnamenti dalle gesta quotidiane e apparentemente normali dei nostri avi, saremo in grado di perpetrarne il ricordo più bello che piano piano, si diffonderà tra le giovani generazioni. E quindi nel futuro.

alpini a...scuola (Roverbella)

alpini a...scuola (Roverbella)

Sabato 4 Maggio il gruppo alpini di Roverbella in collaborazione con il Circolo Culturale "M. Balestrieri" della sezione ANA Verona, ha proiettato presso le classi della scuola primaria di secondo grado di Roverbella il film/documentario messo a disposizione dal Centro Studi ANA Verona e rivolto in modo particolare ai ragazzi delle scuole primarie e secondarie di secondo grado. Tema dell'argomenento trattato in classe assieme al personale docente:  (1941-1943) La Campagna di Russia, Sulle balke dell’onore. Curiosità tra i ragazzi che hanno potuto intrattenersi dopo la proiezione con due reduci di Russia, Domenico Pasi e Giuseppe Pippa. Soddisfazione e commozione da parte del personale docente.

ANA e scuola, dicono di noi

ANA e scuola, dicono di noi

Siti e giornali on line hanno parlato delle numerose iniziative dell'ANA in ambito scolastico.

Questi i link:

 

alpini a... scuola (Roncanova)

alpini a... scuola (Roncanova)

Sabato 27 Aprile il gruppo alpini di Sanguinetto e Gazzo Veronese in collaborazione con il Circolo Culturale "M.Balestrieri" della sezione ANA Verona, ha proiettato presso le classi della scuola primaria di secondo grado di Roncanova il film/documentario messo a disposizione dal Centro Studi ANA Verona e rivolto in modo particolare ai ragazzi delle scuole primarie e secondarie di secondo grado. Tema dell'argomenento trattato in classe assieme al personale docente,  1943-1945 La Campagna d'Italia: sulla frontiera della Libertà.

 

alpini a scuola...(San Vito al Mantico)

Mercoledì 22 Maggio il gruppo alpini di Bussolengo in collaborazione con il Circolo Culturale "M. Balestrieri" della sezione ANA Verona, ha proiettato presso le classi della scuola primaria di primo grado di San Vito al Mantico (fraz. di Bussolengo) Ist. "L. Calabrese", il DVD messo a disposizione dal Centro Studi ANA: "Ma chi sono questi Alpini ?"

alpini a ... scuola (Sanguinetto)

alpini a ... scuola (Sanguinetto)

Sabato 13 Aprile il gruppo alpini di Sanguinetto in collaborazione con il Circolo Culturale "M.Balestrieri" della sezione ANA Verona ed il personale docente, ha inviato le classi della scuola primaria di secondo grado di Sanguinetto presso la propria sede per assistere alla proiezione del film/documentario messo a disposizione dal Centro Studi ANA Verona e rivolto in modo particolare ai ragazzi delle scuole primarie e secondarie di secondo grado.

alpini a scuola...(Bussolengo)

alpini a scuola...(Bussolengo)

Lunedì 20 Maggio il gruppo alpini di Bussolengo in collaborazione con il Circolo Culturale "M. Balestrieri" della sezione ANA Verona, ha proiettato presso le classi della scuola primaria di primo grado di Bussolengo Ist. "Beni Montresor", il DVD messo a disposizione dal Centro Studi ANA: "Ma chi sono questi Alpini ?"

alpini a ...scuola (Nogara)

alpini a ... scuola (Nogara)

Giovedì 11 Aprile il gruppo alpini di Nogara in collaborazione con il Circolo Culturale "M.Balestrieri" della sezione ANA Verona ed il personale docente, ha inviato le classi della scuola primaria di secondo grado di Nogara presso la propria sede per assistere alla proiezione del film/documentario messo a disposizione dal Centro Studi ANA Verona e rivolto in modo particolare ai ragazzi delle scuole primarie e secondarie di secondo grado.

alpini a...scuola (Marmirolo-Soave)

Sabato 18 Maggio il gruppo alpini di Marmirolo-Soave in collaborazione con il Circolo Culturale "M. Balestrieri" della sezione ANA Verona, ha proiettato presso le classi della scuola primaria di secondo grado di Marmirolo il film/documentario messo a disposizione dal Centro Studi ANA Verona e rivolto in modo particolare ai ragazzi delle scuole primarie e secondarie di secondo grado. Tema dell'argomenento trattato in classe assieme al personale docente: (1941-1943) La Campagna di Russia, Sulle balke dell’onore. Curiosità tra i ragazzi che hanno potuto intrattenersi dopo la proiezione con due reduci di Russia, Domenico Pasi e Giuseppe Pippa. Curiosità e soddisfazione anche da parte del personale docente.

Sport

Pellegrinaggi

Solidarietà

Alpini