Giovanni Ceriotto e Ferruccio Visentini, poeti di passione e di dolore nella Grande Guerra

A Verona non mancarono poeti che vissero con passione la Grande Guerra, sia nella fase preparatoria del 1914, caratterizzata dallo scontro tra neutralisti e interventisti, sia durante il conflitto, dando voce a sentimenti di orgoglio nazionale, ma anche di trepidazione e di dolore per i lutti portati dalla guerra. Il pensiero va innanzitutto a Giovanni Ceriotto (1883-1968), che nel primo ventennio del Novecento fu figura di spicco della vita letteraria veronese e del settimanale “El Can da la Scala”, di cui fu direttore nel 1916 e su cui si firmava con lo pseudonimo di “Cericane”. Egli partecipò alla Grande Guerra come tenente del genio pontieri e combattè sul Grappa. Pubblicò in più edizioni, a partire dal 1903, la raccolta “Quaranta sonetti in dialetto veronese”, confluiti in “Poesie veronesi” e in “Nel cor de Verona” nel 1916 (riedite nel 2000). Nell’imminenza dell’entrata in guerra dell’Italia, il tema patriottico si fece in lui più pressante; il poeta percorse buona parte d’Italia proponendo l’ultima sua opera, “El poema de l’Adese”, un poema pervaso da “patriottismo caldo e impetuoso”e da un “fremito di epopea nazionale”; in esso egli trasformava il Monte Baldo in consapevole testimone del moto di liberazione nazionale iniziato nel Risorgimento sugli spalti mantovani di Belfiore, consacrati dal martirio di Carlo Montanari, e destinato a riportare alla patria italiana Trento e Trieste, “ Avanti Italia, che l’è tera tua! / No te senti che i parla el to dialeto? / No te senti che gusto e che saor / come che ride e siga el puteleto / che el ciama mama e el se taca al cor? / E le done de Trento e de Trieste / che le par quele che gh’è zo a Verona, /…No te senti el parlar a l’italiana, / co la parola che va fin in fondo, / la parola de Dante fresca e sana, / semensa semenada in cao al mondo? /… E zo dal Baldo tuti sti pensieri, / carghi de poesia e de passion, / sercando de ciapar tuti i sentieri / i và sul pian in santa procession”. Ceriotto sostenne con i suoi versi la campagna di raccolta di lana per i soldati italiani (“Lana, lana”), cantò il poeta patriota di Trieste Riccardo Pitteri, pianse con versi commossi le vittime del bombardamento austriaco su Verona che il 14 novembre 1915 provocò innumerevoli morti tra i civili, e seguì le vicende della campana del Grappa salvata sotto i tiri dell’artiglieria nemica, trasportata a Verona ed ivi custodita dal CAI fino al maggio del 1918, quando potè tornare a suonare gioiosa sulla sua montagna. Dopo la guerra Ceriotto partecipò alla campagna antiblasfema e nel 1949 pubblicò “Faville dell’anima”, una serie di racconti edificanti dedicati alla gioventù italiana.

Durante la guerra comparivano sulla stampa con regolarità poesie patriottiche dalla vena più intimistica e riflessiva scritte da un autore anonimo che si nascondeva dietro lo pseudonimo di “Matteo Signorio”; si trattava in realtà di Ferruccio Visentini (1878-1933), un impiegato comunale appassionato di poesia, i cui versi furono pubblicati nella raccolta postuma “Aqua minuda” uscita nel 1934 con la prefazione di Antonio Avena. Oggi nessuno più ricorda questo poeta delicato e sensibile, che invece meriterebbe di essere riscoperto. Di lui vi proponiamo una delle sue poesie più profonde e belle, “I nostri morti”, un toccante e umanissimo omaggio ai nostri ragazzi caduti in guerra, fatto di dolore e di orgoglio a un tempo, che non può non commuoverci anche oggi e che proponiamo come il nostro ricordo del loro sacrificio per la patria italiana.

 

“Vecie campane, che g’avì nel cor

‘na ruda de sospiri e de passione

con tute le promesse del Signor

vecie campane, tanto, tanto bone

sonè … disighe el nostro amor a lori,

disighe tute quante le orassione

più bele al nostro sangue, ai nostri pori

soldadi morti via lontan in guera

e forsi, -Dio lo sa- con quai dolori!

Morti de là de i mari, in altra tera

dopo averse batù sensa paura

come leoni streti a la bandiera,

pieni de gloria e l’anima sicura.

Morti, Italia, par ti … par ti i è ’ndadi

prima del tempo drento in sepoltura:

l’Angelo de l’Amor l’à compagnadi

con ’na bela corona de pensieri,

quel de la Morte via el se i à portadi

e tanti, tanti … Dio! Ma me par ieri

-e gh’era in strucacor tuta Verona-

quando ho visto partir i bersaglieri …

Ne la recia ’na musica me sona,

quela vecia canson ci no la sente?

“vualtri che g’avì la gamba bona …”

Sonè, bone campane! O gente, o gente,

dir de quei morti là, de là dai mari,

poco la val la me parola, gnente …

Par quei ricordi che i g’avea più cari,

con la fede de lori, stessa stessa,

come i santi che gh’emo sui altari

preghemoli … fasendo la promessa,

el giuramento d’esser pronti a tuto

par l’onor de l’Italia, la grandessa

parchè el gran Sogno nol ne sia distruto.  

aquaminuda copertina

Condividi Articolo

K2_AUTHOR

Lucia

Sport

Pellegrinaggi

Solidarietà

Alpini