Io resto qui

 

Titolo giusto, suggestivo e significativo per un libro dedicato al ricordo di morti e dispersi in Russia. Esso riprende l’esordio d’una famosa poesia, Frammento, dell’alpino Giuliano Penco, morto in Russia nel 1943, riportata in apertura del libro:

Io resto qui.

Stanotte mi coprirà la neve.

E voi che ritornate a casa

pensate qualche volta

a questo cielo di Certkowo.

Io resto qui

con gli amici

in questa terra.

E voi che ritornate a casa

sappiate che anche qui,

dove riposo

in questo campo

vicino al bosco di betulle,

verrà la primavera.

 

Si tratta di un libro di oltre settecento pagine che ricostruisce con lettere, testimonianze e fotografie il dramma di più di trecento soldati di tutte le regioni italiane scomparsi nelle nevi russe durante le battaglie e la ritirata nel 1943. Un’opera monumentale cui si sono dedicati con passione e tanta sensibilità Antonio e Maria Giovanna Respighi, sostenuti dal Gruppo alpini di Abbiategrasso, che l’ha editata nei mesi scorsi, e dalla Sezione ANA di Milano. Tutto nacque qualche anno fa in occasione d’un viaggio in Russia nell’area della sacca del Don. Riconosciuti come italiani, i fratelli Respighi furono contattati da un russo che mostrò loro dei piastrini di soldati italiani caduti in quei luoghi. Animati dal sacro sentimento di pietà per i fratelli italiani scomparsi nel dramma russo, i Respighi raccolsero più di trecento piastrini e, una volta tornati in Italia, si misero in contatto con Comuni e famiglie di tutta Italia, riuscendo a restituire volti, lettere legami affettivi ed umanità a quei nomi destinati altrimenti a scomparire nel nulla. Aiutato dalla sorella, Antonio Respighi, consigliere provinciale dell’ANA milanese, si meritò con lei l’appellativo di “angelo degli Alpini dispersi in Russia”. Il loro lavoro ha interessato anche la terra veronese. Tra quei piastrini, infatti, ben quindici erano appartenuti a soldati della nostra provincia, di ciascuno dei quali gli autori hanno tracciato un profilo, arricchito di quanto hanno potuto ottenere dalle famiglie. Essi sono Guerrino Accordini, classe 1916, artiere alpino di Rivoli, disperso; Giulio Andreetto, classe 1916, autiere di Ronco, deceduto; Pietro Bonometti, classe 1911, granatiere di Affi, disperso; Luigi Bottacini, classe 1914, artigliere di Verona, disperso; Giuseppe Castellani, classe 1921, bersagliere di Castelnuovo, morto in prigionia; Tranquillo Compri, classe 1914, fante di Cadidavid, morto in prigionia; Bruno Fanton, classe 1911, addetto ai lanciafiamme, Legnago, disperso; Luigi Magalini, classe 1911, artigliere motorizzato di Villafranca, morto in prigionia; Emilio Montresor, classe 1914, alpino di Pescantina, disperso; Bruno Novarin, classe 1914, alpino di S. Bonifacio, morto in prigionia; Ottorino Penazzi, classe 1922, reparto sanità, abitante a Caprino, disperso; Guido Pianalto, classe 1915, genio , Verona, disperso; Mario Ruffo, classe 1917, artigliere di Montorio, morto in prigionia; Aldo Salvetti, classe 1920, alpino di Cavaion, morto in prigionia e Oreste Trevenzuolo, classe 1916, fante di Palù, disperso. (V.S.G.)  

copertina iorestoqui resize

Condividi Articolo

Sport

Pellegrinaggi

Solidarietà

Alpini