Legnago, bomba day

Il 21 aprile sul greto del fiume Adige nel comune di Legnago, a causa di un drastico abbassamento del livello  delle acque, sono state rinvenute due bombe ad alto potenziale della seconda guerra mondiale di circa 450 chili l'una. Si tratta di ordigni americani inesplosi risalenti al massiccio bombardamento del '44 in cui furono sganciate un centinaio di bombe e che aveva come obiettivo il ponte della ferrovia posto sulla linea Treviso-Ostiglia.

Il Comune con il supporto della Protezione Civile, oltre che della Prefettura e della Provincia, ha disposto una maxi evacuazione di circa 10.000 cittadini legnaghesi nella giornata di domenica 17 e lunedì 18 settembre per bonificare la zona.

Impegnati sul campo per il disinnesco degli ordigni bellici gli artificieri dell’VIII Reggimento Genio Guastatori Paracadutisti Folgore.

Le autorità hanno lavorato a lungo per mettere a punto un piano di evacuazione che si è rivelato efficace e ben organizzato.

Tre le zone di sicurezza interdette a qualsiasi tipo di traffico su gomma e ferroviario. Sono stati istituiti 85 varchi di accesso presidiati dai volontari di Protezione Civile provenienti da tutta la provincia con 250 uomini tra Alpini e associazioni comunali, oltre alle forze dell'ordine messe in campo.

Anche la nostra Protezione Civile A.N.A. della sezione di Verona ha partecipato massicciamente alle operazioni impiegando 130 volontari con una trentina di mezzi e automezzi.

L’ammassamento volontari è stato allestito a San Pietro di Legnago in zona strategica per i collegamenti.

Il Campo base nell’area del parcheggio Ipermercato Tosano è stato allestito e gestito dalla squadra dell'A.N.A. Del Basso Veronese così come il campo base con tende e gazebo per zona segreteria, zona refettorio, posizionamento furgone radio, servizi di logistica e zona di partenza per servizio varchi.

I volontari di 10 squadre della Sezione A.N.A. di Verona hanno presidiato a turno per tutta la durata delle operazioni di disinnesco e brillamento degli ordigni i varchi di accesso alla zona rossa.

Volontari della squadra locale, supportati da alcuni alpini della zona, hanno curato la gestione dei due punti di accoglienza a Terranegra e San Pietro di Legnago dove era allestito anche un punto medico ben attrezzato e gestito assieme ai Volontari della Croce Rossa.

Alle 7:30 della domenica suona la sveglia ed inizia l'evacuazione per i cittadini coinvolti con il loro spostamento in direzione dei centri d'accoglienza, anche se buona parte di loro hanno approfittato della bella giornata per una gita fuori porta.

Ore 8:30 scatta l'ora X: nessuno può più circolare nelle zone rosse e arancio; si attende il “zona libera” per inizio attività e nel frattempo arrivano gli ospiti nei punti di accoglienza.            

Ore 9:15 dal centro di coordinamento di Protezione Civile che ha sede in via Olimpia, viene dato lo stop alle operazioni: una famiglia è rimasta bloccata con l'auto in garage per lo stacco dell'energia elettrica. Recuperati dalle forze dell'ordine, le operazioni proseguono senza ulteriori intoppi.

Intanto nei punti di accoglienza si preparano brandine, coperte e del tè e qui gli ospiti sono assistiti anche da psicologi e boy-scouts che animano la giornata e parlano delle proprie esperienze vissute in altre emergenze, anche se questa non è vera emergenza perché programmata.

Alle 13:45, mentre si termina di pranzare, nell'area di Vigo dove era stata precedentemente individuata la zona di brillamento il primo ordigno viene fatto esplodere. Si decide di proseguire le operazioni ed alle 17:45 gli artificieri fanno brillare anche il secondo ordigno. Si riaprono i varchi e alle 18 viene dato l'avviso di “Operazione Finita”, anticipando di un giorno il termine delle operazioni.

Bellissima esperienza per tutti i volontari impiegati che è stata anche un'occasione di verifica dell’efficienza e dell’organizzazione del nostro nucleo di Protezione Civile.

Un grazie a tutti da parte del capo squadra. Lucio Manara

Condividi Articolo

Sport

Pellegrinaggi

Solidarietà

Alpini